Casteldaccia

Superstite alluvione, ci serve psicologo

"Andare avanti non è semplice. Ci siamo resi conto che abbiamo urgente bisogno di un supporto psicologico, sia io che mia figlia Asia, e purtroppo servono soldi che non ho. Per questo chiedo aiuto e sostegno alle istituzioni politiche e sanitarie". A lanciare l'appello, a tre mesi dalla tragedia che ha sconvolto la sua vita, è Giuseppe Giordano, il commerciante di 35 anni che nella notte del 3 novembre scorso ha visto la sua famiglia sterminata a causa della esondazione del torrente Milicia, con il fiume di fango e acqua che ha travolto la villetta presa in affitto. Nella tragedia persero la vita 9 familiari del commerciante. Giuseppe Giordano, rimasto solo con la figlia Asia, ha davanti ancora la questione legata alle spese dei nove funerali che sarebbero stati a carico del Comune, così come aveva assicurato il sindaco Leoluca Orlando.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie